giovedì 28 marzo 2013

COSMOLOGY... 2015 up dating : HYPOTHESIS of QUANTUM UNIVERSE [God likes to play dice!] [Stationary Quantum UNIVERSE Steady, always rising, Eternally accelerating disappears ...yachting!- SQUSA rEady !]



With the observations of the deep sky, the Big Bang model meets serious difficulties for his verification of correctness: last year, I thought to a new model that it respect the recent observations and I called it “SQUSA rEady”. (Stationary Quantum Universe, Steady Always rising Eternally accelerating disappears yachting). 


I called it also in honour of Fred Hoyle who sustained a similar model, the Stationary State, although Hoyle had to give way to the current model, but today the BB model wobbles...in the light of new observations, Let’s see why: 
The “ Stationary State” was abandoned beacuse of the measures of the ratios of the quantities of idrogen/helium/ lithium which weren’t those excpeted from the old model: but at the time – in 60’s- it wasn’t known that Universe was made by baryon matter only for the ˞ 4,9 % of the total [matter + Energy], detected by the probe Planck in the Universe state). This measure is disconcerting for the Cosmology, in fact new measures tell that Universe system has the 26,8% of invisible substance ( we couldn’t observed it yet, but maybe it doesn’t excist ) and it is for that reason that is called “dark Energy”.
Finally, the system universe consists bem 68.3% of energy of unknown origin, but it expands the space carrying the galaxies as if they were resting on it: this energy of unknown origin, is called Dark Energy.
We will see how SQUSA rEady model justifies the dark Energy, associated it to the Energy in the vacuum. This dark Energy extends the space with the Hubble constant ( H°= 68 km/s/ MParsec)…. We will see how this new SQUSA rEady model explains the dark Energy with two further cohesive forces of the sustain that would be generated by quantum phenomenon, with implication regarding the standard model (and maybe the force due to the Higgs boson or a new force inside the matter)


EGS8p7,2015


galaxy in Deep Field HST 2012


ENJOY THE SEQUENCE OF DISCOVERY OF OLDEST GALAXIES http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/cosmology/distant-galaxies/results/100/ 

---------------------------------------------------------
Con le Osservazioni del cielo profondo effettuate nel 2012, il modello del Big Bang incontra gravi difficoltà per la SUA VERIFICA di correttezza:   l'anno scorso, ho pensato un nuovo modello di che rispetti le più recenti osservazioni e lo ho chiamato SQUSA rEady [Stazionary Quantum Universe, Steady… Always rising … Eternally accelerating disappears  yacting] Pubblicato sul mio sito: 
http://www.bio-astronomia.blogspot.it
Lo ho chiamato così anche in onore di Fred Hoyle che ha sostenuto un modello simile, Lo Stato stazionario , anche se Hoyle ha dovuto cedere il passo al modello attuale , che venne  chiamato ironicamente Big Bang, prendendo il nome da una sua frase dispregiativa riferita al nuovo modello … oggi però il modello BB vacilla alla luce delle nuove osservazioni, vediamo perché;
Lo " Stato stazionario " è stato abbandonato a causa delle misure dei rapporti tra le quantità di idrogeno / elio/litio che non erano quelle  previste dal vecchio modello: ma a quel tempo – negli anni 60 – non si conosceva che l’Universo è costituito di materia barionica solo per ~ il 4,9 % del totale [materia + energia], rilevato dalla sonda PLANCK nel sistema Universo ].
Questa misura è sconcertante per la Cosmologia, infatti le nuove misure dicono che il Sistema Universo ha il 26,8% di materia invisibile, (non siamo ancora riusciti ad osservarla, ma forse addirittura non esiste), Essa è chiamata per questo Materia Oscura
Il sistema Universo è infine costituito da ben il 68,3%  di energia di origine sconosciuta, che però dilata lo spazio trasportando  tutte le galassie come se fossero appoggiate su di esso: questa energia di origine sconosciuta, viene chiamata Energia Oscura.

Premesso questo, andremo adesso  a vedere come il “modello SQUSA rEady” giustifica l'energia oscura, associandola alla energia del vuoto, che permea lo spazio…
Questa Energia Oscura fa espandere lo spazio  con la Costante di Hubble  [H °= 68 Km/s/MegaParsec ] Vedremo anche come questo nuovo “modello SQUSA rEady” spiega la Materia Oscura con 2 ulterioriI Forze di Coesione della materia  che verrebbe generata dai  fenomeni quantistici, con implicazioni riguardanti il Modello standard (e la forza dovuta forse al bosone Higgs Higgs o una nuova forza dentro la materia)
-----------------------------------------------------------------

New observations which challenge Big Bang theory arme described in 5 following POINTS:

POINT 1) - observation called “Hubble S.T. Deep Field” (March 2012;August 2015):

It was observed an elliptic galaxy, so very mature, that is 400 million years far from presumed origin of Universe… following the Big Bang model (condensed with BB):

The BB model supposes that Universe has 13,82 billion light years, so this galaxy should be situated 500 million of years far from the origin… but his evolution and formation time requires about 1 billion years: this elliptic galaxy is not compatible with the time of the BB model!

The BB model theorizes a necessary time: starting from initial singularities (the point of origin) - to arrive at formation of baryonic  particles  (i.e. the photons create neutrinos, quarks, leptons, gluons, bosons) which after they will transform into hydrogen, helium, lithium etc.)


In the following instant, the so-called “inflation”, all this matter high concentrated is expanded … as a sort of mega explosion of space happened in an infinitesimal time (called Planck time) at a speed of billions time higher than the speed of light.


After the complex structures of universe were formed, starting from the smallest and simplest particles of cosmic dust they were gathered into proto stellar rotating disk which produced the first stars and planets until to form the first stellar clusters and then spiral galaxies which, becoming older, transform into elliptic galaxies.


So, my idea is that time of 500 million of years is a too short time so that the elliptic galaxies, observed in the Deep Field of HST, should be developed from origin as predict from BB Model


Resuming … the sequences of formation of big structures follow this temporary scheme:


1- Stellar (solar) systems:  they need about tens millions of years so that gravity force condense the cosmic dust (H, He, Li…) into rotary vortices … at the center the stars will light by fusion nuclear reactions;

This time is valued about 300 million years.  The proto stellar cloud composed about tens or hundreds of stars bonded by gravity; for example Sun and alfa Centauri, are formed at the same time.

2-globular clusters: million years are necessary to form hundred millions of stars and stellar cluster groups into a compact structure: they needed a time valued between 300 and 900 million years to form.


3- Galaxies: many stellar clusters and isolated stars attract each other gravitationally and they concentrate into structure that attract more stars and groups of stars in a vortex structure that converge by gravity to a common center forming spiral arms, exactly as frothy water does in your bathtub that flows to the exhaust. The time to form a galaxy is about one billions of years.


So structures of stars, called spiral galaxies, form: in the center of galaxy the matter tends to concentrate until it forms a stellar body that is called “Black Hole” when the matter takes the configuration of baryonic matter and takes a state that we will see later.

So it needs one /two billion years or more to form a spiral galaxy.

When central black hole will exhaust his action, after other billion years, the spiral galaxy will transform into an elliptic galaxy: it is less dynamic and it is called “elliptic galaxy”, quiescent and mature.


Another early galaxy, EGS8p7, has been observed in 2015 by HST+ Spitzer and Keck observatory,  but it will be not the last.


LAST EARLY GALAXY OBSERVED BY KECK TELESCOPE

http://phys.org/news/2015-09-astronomers-farthest-galaxy-keck-telescope.html#jCp

The summary time of this sequence (red early galaxy) is 2 billion of years or more … not 1/2 billion of years


--------------------------------------------------------------------------------------------
Le nuove osservazioni che sfidano la teoria del Big Bang sono descritte nei seguenti  5 PUNTI

PUNTO 1)  indagine osservativa chiamata “Hubble S.T. Deep Field” (marzo 2012; Agosto 2015)

E’ Stata osservata una galassia ellittica – quindi molto matura - che si trova a circa 500 Milioni di anni dalla presunta origine dell’Universo … secondo il modello previsto del Big Bang [abbreviato BB].
Il Modello del Big Bang suppone che l’universo abbia 13,82 miliardi di anni luce, per cui questa galassia sarebbe situata a circa 500 milioni di anni dall’origine… ma il suo tempo di formazione ed evoluzione richiede almeno 1 miliardo di anni o più:

questa GALASSIA ELLITTICA è INCOMPATIBILE con il TEMPO del BB.


Il Modello del BB prevede che il tempo necessario affinché dall'energia della singolarità iniziale puntiforme  si arrivi alla formazione delle particelle barioniche, (cioè che i Fotoni diano vita ai Neutrini, Quark, Leptoni, Gluoni, Bosoni) che poi successivamente si trasformeranno in Idrogeno, Elio e Litio, ecc.  Nell’istante successivo  alla cosiddetta “INFLAZIONE” - cioè che tutta questa materia concentrata venga espansa  da una specie di mega esplosione dello SPAZIO avvenuta in un tempo infinitesimo (yempo di Planck) ad una velocità miliardi di volte  maggiore di quella della LUCE (*) !?


Gradatamente  si sono formate le strutture complesse dell’Universo: le piccole e semplici particelle di polvere cosmica si sono addensate in dischi rotanti proto stellari che hanno dato vita alle prime stelle e pianeti, fino a formare i primi ammassi stellari e poi le galassie a spirale che diverranno galassie ellittiche.


Ebbene la mia idea è che questo tempo Tempo è troppo breve perché possa essersi sviluppata quella galassia ellittica osservata nel Deep Field HST.


Sappiamo che la sequenza di formazione delle grandi Strutture segue questo schema temporale:

1 - Sistemi Stellari:  servono decine di milioni di anni affinché la Forza di Gravità  condensi la polvere cosmica ( H, He, Li …) in vortici rotanti al cui centro si illumineranno le stelle per le reazioni nucleari da fusione; Questo  Tempo  è stimato  in circa  ~ 300 Milioni di anni. Dalla nube proto stellare si formano dei gruppi composti da decine o centinaia di stelle vicine vincolate tra loro dalla gravità, come ad esempio il nostro Sole e alfa Centauri.
2 - Ammassi stellari Globulariservono altre centinaia di Milioni di anni, affinché le centinaia di milioni di stelle e gruppi stellari  si addensino in una struttura compatta : Gli ammassi globulari necessitano di un tempo di formazione che va da 300 a 900 milioni di anni, questo tempo è stimato tra 500 e mille.
3 - Le Galassie: gli ammassi stellari e le stelle isolate si attraggono gravitazionalmente e tendono a concentrarsi in strutture che attirano sempre più stelle e ammassi globulari in una struttura a vortice che converge verso il centro di gravità comune con i tipici bracci a forma di spirale, esattamente come fa l’acqua schiumosa nella vostra vasca da bagno che si incammina  verso lo scarico.

Si formano così le strutture di stelle conosciute col nome di Galassie a Spirale: nel centro della galassia la materia tende a concentrarsi  fino a formare il corpo  stellare che prende il nome di Buco Nero in cui la materia perde le configurazioni  della materia barionica e assume uno stato che poi vedremo successivamente.

Sono necessari da 1 a 2 miliardi di anni affinché si formi una Galassia a Spirale con Nucleo Galattico Attivo AGN: cioè con il Buco Nero centrale “attivo”; Quando il Buco Nero centrale esaurirà la sua azione, dopo altri miliardi di anni, allora la forma della galassia si trasforma in un’ellisse, meno dinamica e prenderà il nome di Galassia Ellittica, matura e quiescente, QGN.

Un'altra precoce galassia chiamata  EGS 8 p 7, è stata osservata nel 2015 da HST, Spitzer Telescope e KECK Observatory, ma non sarà l'ultima.


ULTIMA PRECOCE GALASSIA OSSERVATA DA HST, SPITZER and KECK Oservatory DAL TELESCOPIO KECK

http://phys.org/news/2015-09-astronomers-farthest-galaxy-keck-telescope.html#jCp

In somma il tempo necessario per questa sequenza ( precoce galassia rossa) è di 2 miliardi di anni o più, non ½ milione di anni

                    galaxy EGS8p7, discovered  2015

ancient red galaxy Deep field HST 2012
vecchia galassia rossa nel Deep Field HST


Big Bang model needs up dating (see pictures below)
modello del Big da aggiornare (vedere foto sotto)


Thirst stellar systems ... 400 million years from BB
I Primi Sistemi stellari ...  400 Milioni anni dal BB ...


stellar cluster
ammasso stellare


Globular cluster form in 900 millions of years
ammasso globulare si forma in 900 milioni di anni


galaxy evolution, 1 or 2 billions light years 
evoluzione delle galassie, 1 o 2 miliardi di anni 



on the arrow: the position of these 2 ancient galaxies on BB model

sulla freccia: la posizione di queste 2 anziane galassie sul modello BB 

---------------------------------------------------------------


The " medical suppository" inflation, has been introduced by Dr. Alan Guth, almost two decades later, 
in 1981, "under the tail" of thirst idea of Bing Bang :-)
The young theory invigorated in 60’s with enthusiasm of the discovery of two researchers which founded a weak E/M signal diffused at 360 ° in spherical space and that disturbed their radio communications…
Was it, maybe, the expected cosmic background radiation?
The residual cosmologic microwave background [CMB], to confirm of the origin of Big Bang theory?

Early this model appeared weak, “sick” and showed many inconsistencies – that we will see soon- and with this Inflation, an “odd” idea was "tailored" for this model to make it standing up:
Inflation was needed, as a restorative "medical Suppository”, but it wasn’t enough! Recently Dr. Alan Guth had to modify the previous version, inventing a big one "suppository Open inflation”;
Is it an infinite history, doctor Guth, eh?

Let’s see why BB model was weak and it is still moretoday, after the results of new observations of telescopes and probes.
The structures and parameters of cosmos like temperature, density and the “flatness” of structure were too homogenous even in far areas between them, at opposite sides of the sky…
In cosmos every arc sectories exanimated on the heavens both with terrestrial telescopes and CMB measures reported by COBE, W-Map and Planck probes, these three parameters are too identical between them, except for little refuses.
Who did make them uniform? The light is the thing that travels more speed to communicate on big distances, but the light, on the CMB remote surface and in 13, 8 billions of years, could be travelled only short distances that are equivalent to 2 arc degrees, so there should be more inhomogeneity between a part and the opposite part of the sky on 360° of spheres horizon… but if it wasn’t the “slow light”, what could be shuffled the cards?  
Doctor Guth had the idea that the space should be expanded in an incredible way, billion times speed of light to “whisk” the structures of Universe between them:
An“Inflation” ad hoc! (But how is possible that can be accepted by relativistic physicists? This “magic restorative “suppository”is not expected in relativity!)

It help so complicate BB model, trying to not make it collapse, but now those strange elliptic galaxies arrive and even what we observe from the dawn of the universe, as make spiral and elliptic galaxies near us.
If you like to deepen this argument, I recommend you to read this good book: “Capire l'universo” -  by Corrado  Lamberti  "  (chapter: Problema di orizzonti cosmologici , Pag.151)

--------------------------------------------------------------------------------
La "supposta Inflazione” è stata introdotta quasi due decenni dopo, nel 1981, "sotto la coda" del Big Bang, dal dottor Alan Guth :-)
La giovane teoria, aveva ripreso vigore negli anni 60 sull’entusiasmo della scoperta di due ricercatori che avevano trovato un debole segnale radio di disturbo diffuso a 360° sferici nello spazio e che disturbava le loro ricezioni radio … era forse  l’attesa Radiazione Cosmica di Fondo? la CMB ... residuo del Gran Botto d’origine?
Questo modello era debole, "ammalato" e presentava molte incongruenze - che vedremo tra breve – con la Inflazione un’idea “balzana” cucita addosso al modello per farlo stare in piedi:serviva la“Supposta INFLAZIONE"ricostituente,
ma non è bastata!  Recentemente il Dr. Alan Guth ha dovuto modificare la precedente versione inventandosi una più grande "supposta Inflazione Aperta” , insomma una storia infinita, Doctor Guth, eh?

Vediamo perché il modello BB era debole e lo è ancora di più oggi, dopo i risultati delle nuove osservazioni di telescopi e sonde.
La Struttura e i Parametri del Cosmo come la temperatura, la densità e la “piattezza” delle strutture erano troppo omogeneo anche in aree molto lontane tra loro  ai poli opposti del cielo.
Nel cosmo, tutti i Settori d’arco esaminati sulla volta celeste sia con i telescopi terrestri che con le misure della CMB  riportate dalle sonde COBE, W-Map e Planck, i 3 parametri sono troppo identici tra loro, salvo piccolissimi scarti: chi li ha uniformati tra loro? La luce è  la cosa che viaggia  alla maggior velocità per comunicare  su lunghe distanze, ma la luce  sulla superficie remota della CMB può aver percorso dolo piccole distanze che equivalgono a dolo 2 gradi d’arco , quindi ci dovrebbero essere maggiori  disuniformità tra una parte e la parte opposta del cielo sui 360 gradi d’orizzonte sferico del … ma se non è stata la relativamente “ lenta LUCE”, che cosa può aver mescolato le remote carte? Guth ebbe l’idea che lo spazio si sarebbe espanso in modo incredibile a miliardi di volte la velocità della luce per “ frollare tutte le strutture dell’Universo tra loro : una “ INFLAZIONE” ad hoc! (ma com’è possibile  che venga accettata a cuor leggero dai fisici relativistici? Questa “magia suppostory ricostituente” non  è prevista dalla relatività !) serve a complicare il modello BB, cercando di non farlo crollare, ma ora arrivano queste strane galassie ellittiche che uniformano ciò che osserviamo agli albori dell’universo con quello che vediamo qui vicino a noi …
Se vi piace approfondire questo argomento vi consiglio di leggere il seguente buon libro : Capire l'universo - C.  Lamberti  "  Problema di  cosmologiche  orizzonti,  P151

---------------------------------------------------
POINT 2) VLT -ESO telescope, Chile- May 2012:

Discovered many galaxies, HE0109- 3518 in sculpters constellation; they are ancient galaxies and few bright, (in blu circles) and situated near quasar, (in red circle) with spectra shifted to the red, between 2,5 and 12. We are waiting more working with the help of new radiotelescope VLT- Muse, activated in Chile in 2014. 

------------------------------------------------------
PUNTO 2) Telescopio VLT -ESO, Chile - Maggio 2012:
Scoperte numerose galassie, HE0109 -3518 in costellazione dello Scultore; sono galassie anziane e poco luminose, (nei cerchietti blu) e situate vicino a quasar, (cerchiato in rosso) con spettri spostati verso il rosso, compresi tra 2,5 e 12.
Aspettiamo maggior indagini con l’aiuto del nuovo radiotelescopio  VLT –Muse, attivato in Cile nel 2014.
-



POINT 3) On 20th January 2013 a group of astronomer of Lancashire University discovered the biggest matter mass of the universe! The Largest Quasars Groups  LQGs
It’s very big and remote, it’s situated near the border of the universe that it can be observed and that challenges “cosmological principle” that provides an uniform density of the distribution of mass in the universe.


The light spends four billiard years to cross it! So its radius is very big, like one third of actually dimension estimated of Universe! How can it stay there? It can’t be an angle of cosmos, it’s too big!
This cluster, LQ Gs, has an “absurd” surface: almost 52 radiant square. [ see  green photo below]

Quasar are what we can see of ancient remote galaxies that would be nearer theorized origin, but too far to see them distinctly with actually means available;  ... waiting the observations and discovers that will be made with new observational,  as ALMA
ALMA/Atacama_Large_Millimeter_Array

James Webb  Space Telescope, space telescope taht will replace HST in 2018

At the present state of things, I think that LQ Gs is too close to supposed origin of Universe proposed by Big Bang model, so also this observation inserts a doubt to the credibility of Big Bang model
It’s simpler to think that Universe submits inhomogeneity of density and that the dimensions of space are not limited from origin of everything, (13,8 or 47 billions LY) and this inhomogeneity shows that  average density proposed by“Cosmological principle”, to be true, should have more space to even everything… more space of what it can be observed today for simple reason that observational means are limited and it can’t observe farther.

-----------------------------------------------------------


PUNTO 3)  Un gruppo di astronomi, dell’Università del Lancashire, in 20 Gennaio 13   ha scoperto la più grande massa di materia nell'universo ! il più Largo Gruppo di Quasars  chiamato LQGs
Essa è enorme e remota, è posta vicino al confine dell’Universo che noi possiamo attualmente osservare e questo  sfida il “Principio cosmologico” che prevede una uniformità di densità della distribuzione di massa nell’Universo
Esso è così grande che la luce impiega quattro miliardi di anni per attraversarlo! Ma allora esso  ha un raggio grande quanto un terzo della dimensione attuale stimata dell'Universo! Come può stare laggiù in un angolo? Non può essere un angolo del cosmo, è troppo grande!
 Quest’Ammasso, LQGs, ha una superficie “pazzesca” : quasi 52 radianti Quadrati . [Vedi foto sotto  in verde]
I quasar sono quello che riusciamo a vedere delle antiche remote galassie che dovrebbero essere più vicine alla teorizzata origine, ma  troppo lontane per vederle  distintamente con gli attuali mezzi a disposizione; Restiamo in attesa delle osservazioni e delle scoperte che verranno fatte coi nuovi mezzi osservativi, come ALMA .

ALMA/Atacama_Large_Millimeter_Array


James Webb  Space Telescope, space telescope taht will replace HST in 2018

Allo stato attuale delle cose, io penso che LQGs ed è troppo vicino alla supposta origine dell’Universo proposta dal modello del Big Bang, quindi  anche questa osservazione inserisce un  pesante"dubbio "alla credibilità del modello Big Bang.

E’più semplice pensare che l’Universo presenti delle disuniformità di densità e che le dimensioni dello spazio non sono limitate dall’origine del tutto,(13,8 o 47 Billions  LY) e questa disuniformità è indicativa del fatto che  la densità media proposta dal “ Principio Cosmologico” per essere vera ha necessità di avere più spazio per  uniformare il tutto … molto più spazio di quello che riusciamo ad osservare oggi per il semplice motivo che i nostri mezzi osservativi sono ancora limitati e non possiamo ancora esplorare  più lontano.

Large Quasar Group [LQGs]




POINT 4) Irregular structures on Cosmological Microwaves Background radiaction:
CMB surface, but rather a surface (at 380000 years from BB) - as appeared flat , at elderly astronomers,  the flat constellations on vault of the sky – the CMB is it an enormous deep infinite spherical crown, perhaps without an origin, nowadays yet unexplored settled on the vault  of cosmos?
It is not so uniform, because it was observed a big “blue cold spot” in southern hemisphere in the direction of “Eridanus” constellation; this great spot appears to be due to a large mass amending the expansion of space to that point of view
mysterious BLUE COLD SPOTt, fingerprint of largest structure in the universe
and this is the animation of distortive light effect due to large structures:
animation light behaviour due to large structures

Moreover, WMAP satellite had already observed
structures in the distribution of circular and concentric matter on CMB surface in 2011;
The authors of this study, Prof Penrose of Oxford University, and Prof Gurzadyan of Yerevan Physic Institute (Armenia), supposed that they were generated by great black hole situated on the border of universe and they disturbed CMB structure creating concentric and circular waves as those caused by the fall of a stone in a pond.
But BB theory forecasts there not be enormous structure near origin (Black Hole is due to central matter collapse on a big galaxy) and  this is a new impossible problem to be solved by BB model.
I propose, to understand if this phenomenon, observed on CMB this text:
V-Map satellite photographed CMB segments meridians, turning on its polar satellite axis; Well, these concentric circles appear around the observation of satellite’s pole and – probably - it is due to the increased time exposure photo: to proof this hypothesis, would be enough to re-scan the sky changing the satellite axis of rotation of 30 degrees and see if the concentric circles have followed this change of 30 degrees  position on the vault of the CMB.
What could generate these concentric circles on the structure of the CMB?

I suggest they are due to quantum tunnel effect of galaxies that exceed our Hubble horizon.

The form of the circle on CMB reminds circular waves caused by a stone in a pond; Quantum Tunnel effect is a phenomenon that happens when one or more baryonic particles pass, unexpectdly for classical physics, through a barrier of opposite potential; in the animation the light/object, arriving from left, tries to pass potential barrier, but it bounces; a part of it, the light, that is a part of the information of the object, is able to pass potential barrier creating a specular imagine weaker over the barrier, that is our Hubble horizon. This happens in a time proportional to the diameter of the object - stars or galaxies- that bounces.
If the phenomenon was observed in front, instead by side as in the example, it appears as concentric circles in expansion

---------------------------------------------------
PUNTO 4) Strutture irregolari della CMB:
La superficie della CMB - ma piuttosto essa è un’enorme corona sferica profonda e senza una origine, ancor oggi inesplorata, che ci appare piatta come agli antichi astronomi  sembravano piatte le costellazioni posate sulla volta nera e vellutata del cosmo? - dicevo la CMB non è così uniforme, infatti, è stata osservata una grande “macchia Fredda” nell’emisfero australe in direzione della costellazione di “Eridanus”  nel profondo cielo sulla CMB. Questa  grande macchia sembra dovuto a una grande massa che modifica  la espansione dello spazio verso quel punto di vista:INAF
il-mistero-della-macchia-fredda-nella-cmb 
http://www.media.inaf.it/2015/04/20/il-mistero-della-macchia-fredda-nella-cmb/
Da che cosa potrebbero essere queste strutture che osserviamo sulla CMB? Forse è un fenomeno dovuto alla fuga delle galassie in direzione dell’asse polare del satellite a causa del maggior tempo di persistenza dell’immagine, dovuto alla bassa velocità periferica di rotazione in direzione dei poli? Per mappare la CMB il satellite fotografa degli spicchi di cielo, dei meridiani, che hanno velocità periferiche  maggiori sull’equatore e sono quasi ferme sui poli, e questo consente di rilevare l’effetto Tunnel Quantistico delle galassie che sfuggono dall’orizzonte di Hubble; La morfologia dei cerchi sulla CMB, ricorda le onde circolari generate da un sasso gettato nello stagno e l‘effetto tunnel quantistico è un fenomeno che avviene quando la materia barionica passa, inaspettatamente per la fisica classica, attraverso una forte barriera di potenziale che si oppone, cioè le galassie che superano la velocità della luce sul nostro orizzonte osservativo non dovrebbero essere più visibili , invece una parte della loro luce residua riesce a rientrare  nel nostro orizzonte – a ritroso – creando questi cerchi concentrici residuali ; Nell'animazione sottostante si vede che la luce dell’oggetto proveniente da sinistra tenti di superare la barriera di potenziale, ma rimbalzi;  tuttavia, una parte di essa, la debole luce delle galassie in fuga oltre l’orizzonte è in grado di superare la barriera di potenziale creando una immagine speculare più debole oltre la barriera che è il nostro orizzonte di Hubble. Questo avviene per un tempo proporzionale alla dimensione degli oggetti, cioè stelle o galassie in transito. Se noi osservassimo il fenomeno di fronte, anziché di lato, noi vedremmo apparire i cerchi concentrici di espansione sullo"stagno della CMB".

See the Blue Cold Spot -->Here you are the Blue Cold spot animation

Here the animation of Quantum Tunnel Effect
qui l'animazione dell'effetto Tunnel Quantistico
immagine of concentric waves on CMB
on the arrow: the position of these concentric circles on BB model
sulla freccia: la posizione dei cerchi concentrici sul Modello BB

under the emispheric deep CMB, see as "shell"
e la profonda emisfera della CMB, vista come "guscio"


and CMB as a flat surface view





Now I’d like to linger on a consideration: we know Universe is expanding because of a mistery dark Energy that  dilate the space, and more we observe far, more we see fast galaxies that go away from us with Hubble constant: it’s an intuitive thought that sooner or later these galaxies will reach the limit of speed of light among us; latest observations of CMB of Planck satellite have detected the imagine of background radiation more detailed and faster from us (violet oval photo).This represents the residual of the radiation of reionization time, time on which the light could be seen for the first time since universe birth, at least according to BB model. Now I propose a NEW PARADIGM: Universe exists since an infinity time and so it’s infinity in dimensions, but we can’t observe it in his entirety because of phenomenon of recession of galaxies: when they exceed speed of light, because they’re transported from the space, they create a virtual Hubble horizon beyond which we can’t observe them anymore, so we can observe about 14 billion light years around us (as we shall see later). For his nature this phenomenon is applicable around each observer in any place, in an “Infinite Universe”!

I offer you an imagine that Max Planck Institute has excracted from a study of a computer graphic called “MILLENIUM RUN”: along the line of view of telescopes, this SW aggregated real sky images deeper to see what aspect the final imagine of cosmic sky would have had: the result is an image very similar to CMB imagine of latest imagine of Planck satellite ( in oval photo)!
---------------------------------------------------------------
Ora vorrei soffermarmi su una considerazione: sappiamo che  l’universo si sta espandendo a causa di una misteriosa energia oscura che dilata lo spazio, e più osserviamo lontano più vediamo veloci galassie, in allontanamento da noi e accelerando con la costante di Hubble: è un pensiero intuitivo  che prima o poi queste galassie raggiungeranno il limite della velocità della luce rispetto a noi; 
le ultime osservazioni della CMB del satellite Planck hanno rilevato l’immagine della radiazione di fondo più dettagliata e lontana da noi (foto sotto in violetto) rappresenta il residuo della radiazione del tempo della re ionizzazione, epoca in cui la luce ha  potuto essere visibile per la dalla nascita dell’universo, almeno secondo il modello del BB; Ora propongo un nuovo PARADIGMA: l’universo esiste da un tempo infinito ed è quindi infinito in dimensioni, eppure noi  non possiamo osservarlo nella sua interezza a causa del fenomeno di recessione  delle galassie: quando esse superano la velocità della luce – perché trasportate  dallo spazio - esse creano un orizzonte virtuale di Hubble oltre il quale non le possiamo più osservare, quindi  noi possiamo osservare circa 14 miliardi di anni luce intorno a noi (come poi noi vedremo). Per sua natura questo fenomeno è applicabile intorno ad ogni osservatore in qualunque punto si trovi, in un “Universo Infinito” !

A sostegno di questa ipotesi vi offro l’immagine che il “Max Planck Institute” ha ricavato da uno studio di computer grafica chiamato “MILLENNIUM RUN”: lungo la linea di vista dei telescopi, questo SW ha aggregato immagini reali del cielo sempre più profonde per vedere che aspetto avrebbe assunto l’immagine finale del fondo cosmico del cielo: il risultato è un’immagine molto simile all’ ultima immagine della CMB del satellite Planck (foto ovale)!




Last CMB immagine released by PLANCK 




Millennium Run immagine released from Max Planck Institute (4 steps far away)                              


POINT 5: Galaxies HFLS3 discovered by Hershel telescope


In young universe the processes of stellar formation should be slow. Gradually, with the increase of gravity force due to the increase of stellar masses, the speed of the process of enhancement should increase in structures getting bigger like globular cluster, then galaxies and after super galaxy clusters.Latest observations of space telescope Herschel founded some galaxies far 13 billion light years, so 800 million years from BB, which contradict this graduality of stellar formation, those galaxies product an enormous number of stars so those galaxies are as if they were older, as if they exsisted since a long time, or the current model is uncorrect, or origin universe time; so we do observations that put in doubt the correctness  of theoretical models. 

PUNTO 5: Galaxies HFLS3 scoperte dall' Hershel telescope

Nel giovane universo I processi di formazione stellare dovrebbero essere lenti. Gradualmente, con l’aumento della forza di gravità, dovuto all’aumento delle masse stellari, dovrebbe aumentare la velocità del processo di accrescimento gravitazionale in strutture sempre più grandi come gli ammassi globulari di stelle, quindi le galassie e poi super ammassi di galassie. Le recenti osservazioni del telescopio spaziale Herschel hanno trovato delle galassie distanti 13 miliardi di anni luce, quindi a 800 milioni di anni dal BB, che contraddicono questa gradualità di formazione stellare, queste precoci galassie producono un enorme numero di stelle, quindi queste galassie  si comportano come se fossero più vecchie, come se esistessero da molto tempo, oppure non è corretto il corrente modello di formazione delle galassie, o non è corretto il tempo di origine dell’universo; insomma ci troviamo  ad effettuare osservazioni che mettono in dubbio la correttezza del corrente modello teorico.


HFLS3 ->

https://it.wikipedia.org/wiki/Herschel_Space_Observatory


November 2015, these new 574 ancient monster galaxies have preplexed scientist 
-----------------------------------------

http://www.space.com/31163-monster-galaxies-perplex-scientists.html?cmpid=514630_20151119_55457626&adbid=10153163744016466&adbpl=fb&adbpr=17610706465
a Novembre 2015, queste nuova osservazione di 574 primordiali enormi galassie hanno lasciato perplessi gli scienziati

After all these observations, do you think that something is wrong in current idea of finite 13,82 Billions Ly universe ?

Another consideration, the Big Bang model predicts that the universe is made up of a huge number of galaxies that are expanding into empty space. But in what the universe is expanding? It is surrounded by nothing, that is, an empty space? And how great is the empty space outside? Or instead it is more simple  to think that the universe is populated by countless galaxies even in space beyond the horizon of Hubble? As the Steady State model supposes?
Please focused the image at 3:30 on video. There are many galaxies surounding the blue ring (but I don’t agree with the final part of this video pro BB model)

-------------------------------------------------------------------
Un'altra considerazione, il modello Big Bang predice che l'universo è costituito da un gran numero di galassie che stanno espandendosi nello spazio vuoto, Ma in che cosa l'universo si sta espandendo? È circondato da nulla, cioè, uno spazio vuoto? E quanto è grande lo spazio vuoto al di fuori? Oppure non è più semplice pensare a un universo è popolato da innumerevoli galassie anche nello spazio oltre l'orizzonte di Hubble? Come presuppone il modello dello Stato Stazionario?
Focalizzate l’immagine al minuto 3:30 del video, vedrete che ci sono molte galassie oltre l' anello esterno blu (però io non sono d'accordo con parte finale di questo video pro BB).






An other consideration, this cartoon is very interesting to under stand CMB image (at  4:43 an CMB wave appears). See with attention to the meaning in a quantum universe and how is possible to modify what we observe, also CMB image.
---------------------------------------------------------------
Un’altra considerazione da questo cartone animato Esso è molto interessante per comprendere l’immagine della CMB [ al minuto4:43 secondi Appare CMB onda]  guardate con attenzione al significato in un universo quantistico su come sia possibile modificare ciò che noi osserviamo, compresa l’immagine della CMB




I want to return at the question of the topic with a new Paradigm:

Now I expose my idea with few passages and it will make you under stand why CMB is at the same distance of Hubble horizont in expansion around us.

 If the measures of Planck probe have refined Hubble constant (H°) to the value of 68 km for second in a distance of a mega Parsec…
I asked myself: how many intervals I have to sum so that expansion speed of space arrives to speed of light? Point where galaxies disappear from our observation?

[Dc = speed of light c / H ° (H ° ~ 68) - 4412 Intervals * 3.260.000 di Ly - ~ 14,4 billion L y ]
14,4 billion Ly ! there all Galaxies reach the speed of light respect us, it is Hubble Horizon of our observable universe ! and at the same time it is almost the distance at which we observe the CMB , 13,82 Bly !!!   coincident phenomena can not be a case ...

And what will it happen to an hypothetical galaxy to a critical distance Dc, that leaves from us to speed of light “c”? And what light remain visible of galaxies that disappear over our observational Hubble horizon?

Perhaps is it the signal of termalization of light radiation Cherenkov coming from very great number of galaxies that are beyond the horizon of Hubble, and it seems to us a perfect image of radiation by a black body?
The ring on video above, or rather, "the blue shell", would be the CMB of the BB model, the '"era" of re-ionization of matter occurred 380,000 years from the origin of the Universe; A origin that does not exist in the quantum model SQUSA ready,  because it presumes an Eternal Universe.

This "new shell hypothesis" expects quasi-uniform radiation because in the deep space around us, matter density is quasi-uniform as “Cosmological Principle” distribution of matter around us expects, with small differences seen in the universe in a fractal distribution of galaxies clusters in the study of “MILLENIUM RUN”. Not only; this model of Universe satisfies the values of uniform temperatures measured, the “omega” density of critical matter and the flatness of universe  measured on any direction: so that, we don’t need of any kind of “inflation suppository”; 

This model of infinite eternal Universe is supported by Ea, mathematical description, of Professor Fulvio Melia’s pdf document: 
“The Cosmic Space time: Is the Universe Much Simpler than we thought?” 

http://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/1205/1205.2713.pdf


Here another document to the benefit of the model of infinitive and eternal universe proposed by Saurya Das & Ahmed Farag Ali, in a Canadian and Egyptian study:
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0370269314009381
-----------------------------------------------------------------

Adesso vi espongo la mia idea che con pochi passaggi vi fa capire perché la CMB si trova alla stessa distanza dell’orizzonte di Hubble in espansione intorno a noi.
Se le misurazioni della sonda Planck hanno affinato il valore della costante di Hubble [H°] al valore di circa 68 km al secondo nell’intervallo di distanza di un mega Parsec…
Mi sono chiesto cioè quanti intervalli devo sommare affinché la velocità di espansione dello spazio raggiunga la velocità della luce? Punto in cui le galassie spariscono dalla  nostra osservazione?

[Dc = Velocità della luce c / H ° (H ° ~ 68) - 4412 Intervalli * 3.260.000 di Ly - ~ 14,4 miliardi L y ]

14,4 miliardi Ly ! laggiù le galassie raggiungono la velocità della luce relativamente a noi, laggiù è l'Orizzonte di HUBBLE del nostro UNIVERSO osservabile, e allo stesso tempo è quasi la stessa distanza a cui noi osserviamo la CMB, 13,8 miliardi di anni luce !!! e i fenomeni  quasi coincidenti non possono essere un caso ...

E cosa accadrebbe ad una ipotetica galassia alla DISTANZA critica Dc, che recede da noi alla Velocità della luce " c "?
che cosa rimane visibile della luce delle galassie che scompaiono oltre il nostro orizzonte osservativo di Hubble?

Forse resta un segnale di termalizzazione della radiazione luminosa Cherenkov proveniente dal grandissimo numero di galassie che si trova di là dell’orizzonte di Hubble, e ci appare come una perfetta immagine di radiazione di corpo nero?

L’anello nel video sopra, o meglio, “il guscio blu ”, sarebbe la CMB del modello BB, la re-ionizzazione della materia avvenuta 380000 anni dall’origine dell’Universo, un’origine che però non esiste nel modello quantistico SQUSA rEady perché presume un Universo Eterno.
Questa nuova ipotesi di “ guscio” prevede una radiazione quasi uniforme perché la densità di materia nello spazio profondo intorno a noi è quasi uniforme, come prevede il “Principio Cosmologico”, con piccole differenze nell’Universo a distribuzione frattale di ammassi di galassie, come noi abbiamo visto nello studio del “MILLENNIUM RUN”. Non solo: questo modello di Universo soddisfa i valori misurati di temperatura uniforme, densità critica “omega” di materia e piattezza misurati in ogni direzione fino al confine dell’universo:  quindi noi non abbiamo la necessità di  una ”Inflazione supposta”;


Questo modello di Universo infinito ed eterno è supportato da Ea descrizione matematica del documento del professor Fulvio Melia:
http://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/1205/1205.2713.pdf


Ecco un altro documento recente a supporto  del modello di universo  infinito ed eterno proposto da uno studio congiunto tra studiosi Canadesi ed Egiziani: Saurya Das & Ahmed Farag Ali



at the end,6 odds in Universe;infine,6 stranezze nell'universo
http://www.nature.com/news/zombie-physics-6-baffling-results-that-just-won-t-die-1.18685?WT.ec_id=NEWSDAILY-20151030&spMailingID=49904659&spUserID=MTUwNTUzNDc0MzY4S0&spJobID=784247936&spReportId=Nzg0MjQ3OTM2S0



Now the Big question is that: if the matter wasn’t created by Big Bang, how does the matter create?
The observation of the hypothetical “Dark Matter” has not given results, the only thing certain is that was observed as a disturbal effect between clusters (see cluster Abell 3827) so, where there is a baryonic matter, there is also dark matter. Maybe doesn’t it want to be alone? Or maybe do we have to think about matter behavior?  
Black holes perturb with gravitational waves the vacuum Energy around them. And not only around them, i fact, from Very Large Telescope dell’ESO in Chile, many black holes were observed and they have inclined and parallel axes of rotation between them and even if we don’t understand – for now - how it happens, so this signifies that they are in communication between them on big cosmological distances


If we observe carefully the blacks holes of photography, we see that they are immersed in the arms of matters that unite the various black holes, in fractal distribution, as if the universe were a "tissue" formed by the empty spaces between the filaments of matter , and only the blacks holes that are placed on these arms have their axes of rotation aligned with each other: it is likely that they are synchronized with each other by gravitational waves they generate and their magnetic fields, even more, it is very likely that the bridges of matter are products or just matter thickened by blacks holes in AGN galaxies, this is needed to communicate with each other



BH holds Galaxy's History
http://www.esa.int/Our_Activities/Space_Science/Speedy_black_hole_holds_galaxy_s_history



La domanda cruciale è questa: se la materia non è stata creata dal Big Bang, allora come si crea la materia?
Le osservazioni dell’ipotetica “Materia Oscura” non hanno dato ancora dei risultati, l’unica cosa certa è che essa è stata osservata come effetto di disturbo gravitazionale tra i Cluster (vedi cluster Abell 3827) insomma dove c’è materia barionica, si trova concentrata anche la materia oscura, forse essa non ama starsene da sola? O forse dobbiamo ripensare il comportamento della materia?
I Buchi Neri perturbano con onde gravitazionali l'energia del vuoto intorno ad essi. E non solo intorno ad essi, infatti, dal Very Large Telescope dell’ESO in Chile, sono stati osservati molti buchi neri che presentano gli assi di rotazione inclinati e paralleli tra di loro e anche se non capiamo - per adesso - come ciò avvenga, questo significa che essi sono in comunicazione tra di loro su grandi distanze cosmologiche,


Se noi osserviamo  con attenzione i buchi neri della fotografia, vediamo che essi sono immersi dentro i bracci di materia che uniscono i vari buchi neri, in distribuzione frattale, come se l'universo fosse un "tessuto" formato da vuoti spazi tra filamenti di materia, e solo i buchi  neri che sono appoggiati su questi bracci hanno i loro assi di rotazione allineati tra loro: è probabile che essi siano sincronizzati tra loro dalle onde gravitazionali che essi generano e dai loro campi magnetici, anzi di più, è molto probabile che i ponti di materia siano prodotti o semplicemente materia addensati da buchi neri delle galassie AGN e questo è necessario per comunicare tra di loro

---------------------------------------------------------------------------

Gravitational waves, generated by black holes, ring out on spaces around matter. It’s like a hit given at the center of a drum that perturbs all the structure of the drum and the air surrounding  till cosmological distance, so BH have an effect internal and external to the galaxy, on the cluster of galaxies and beyond. Those gravitational waves vibrating disturb the behavior of virtual particles that populate the quantum vacuum but only around BHs:  those particles, united in couples of particles and antiparticles, continuously appear dissociating for short times but they soon annihilate vanishing quickly in their state of quiet in a quantum vacuum; But if they are disturbed in their short appearance by gravitational waves, they can stay divided and do they take shape- anyone in universe of matter or anti matter (into 2 opposite, segregated universes), creating a new matter and antimatter. It’s a quantitaty of infinitesimal matter but multiplied for enormous volumes of cosmo enough to hold “status quo” of critical omega density of matter that respects Cosmological Principle of constant density in the expansion of matter caused by dark Energy.
At the end, every BH “creates” new matter around, but only when gravitational waves pass energetic levels, values between 126 and 290 GeV (the family of Higgs boson): this new matter is invisible because it is formed of particles as quark, leptons, boson, gluons, etc. but they act attractively on the matter around in an invisible but massive way;

This is only the first cause to justify the behaviour of Dark Matter on baryonic universe; but this is only the first cause to justify the behaviour of DM on baryonic universe; the other one is that matter, a little few, continuously "inflating”! (we see after, how much).

Einstein supposed that a space expands introducing “the cosmological constant Lambda”, to justify the fact that the matter of the universe didn’t collapse under his own force of gravity but he retracted the idea, rather, he repented to have proposed it.
This idea was reintroduced in cosmology to justify the accelerated expansion of the space around us in 90’s. Today we accept this idea that the space expands even if we don’t know why it acts in this way!
Why don’t we try to accept that also the matter (quark, atoms, and stars) has a micro expansion without increasing his mass? So how do we accept the idea that the space expands?
My idea is that even matter “Inflates”, but only 1/3 of how much the space does, without modifing mass and gravity characteristics, so after that matter inflates, this adds only a viscous mechanical that effect to galaxy rotation. What effect would it have on the rotational motion of galaxies?
Imagine if a viscous fluid is poured onto the center of a disk that is rotating, it takes the typical form of the spiral arms of a whirlpool and advancing to the external contour slow down its radial speed. 
What if we do quickly cool the fluid during this process? The radial speed tends to comply, becoming equal from center to the external contour and, finally, when the fluid solidifies on the support disk, radial speed will be equal from the center to the contour. This happens, more or less, in the galaxies from a 1/3 of the radius to the external contour and also on galaxy clusters would be more bonded than they would be for the gravity force only.
----------------------------------------------------------------
the sun speed, around galaxy, is 230 km/s, 1 tour in 230 million years, the same of for all stars extra bulge: the time tour is ~ directly proportional to Radius star distance from BH (only horizontal red line)
       
la velocità del sole nella galassia è 230 km/s, 1 giro in 230 milioni di anni,la stessa per tutte le stelle extra bulge: il tempo del giro è ~ direttamente proporzionale al Raggio a cui dista la stella dal Buco Nero.  

Le onde gravitazionali vibrando disturbano il comportamento delle particelle virtuali che popolano il vuoto quantistico ma solo intorno ai BHs: queste particelle, unite in coppie di particella e relative anti particella, normalmente appaiono separandosi per tempi brevissimi ma si annichilano scomparendo  rapidamente nel loro stato  di quiete nel vuoto quantistico; Ma se esse sono disturbate nella loro breve apparizione da un fronte d’onda gravitazionale, allora possono restare divise e quindi prendono corpo ciascuna nel rispettivo universo di materia o anti materia (dentro 2 universi opposti e segregati), creando così materia nuova nell'universo. E’ una quantità di materia infinitesimale ma moltiplicata per gli enormi volumi del cosmo dovrebbe esser sufficienti per mantenere lo “status quo” della densità critica di materia omega, che rispetta il principio Cosmologico di densità costante nel tempo di espansione dello spazio causato dall'Energia Oscura.
Finendo, ogni Buco Nero "Crea" nuova Materia nel suo intorno perché permette ad alcune particelle di passare da un’esistenza virtuale a un’esistenza reale, ma solo quando le onde gravitazionali superano determinati livelli energetici nel vuoto, valori compresi tra 126 e 290 GeV (la famiglia dei Bosoni di Higgs): questa nuova materia è invisibile perché è in forma particellare, come quark bosoni gluoni, ma agisce attrattivamente sulla materia circostante in modo massivo e invisibile;

Ma questa è solo la prima causa per giustificare il comportamento della materia oscura sull'universo barionico, l'altra è che la materia, un pochino, continuamente “ si espande” ! (vedremo dopo di quanto)
Einstein suppose che lo spazio si espande introducendo la “ costante cosmologica Lambda “ per giustificare che la materia dell’universo non collassava sotto la sua stessa forza di gravità: serviva insomma per “tenerlo su”; ma ritirò subito l’idea, anzi, si pentì di averlo proposto.
Quest’idea è stata reintrodotta in cosmologia per giustificare l’espansione accelerata dello spazio intorno a noi alla fine degli anni 90. Oggi accettiamo l’idea che lo spazio si espande, anche se non conosciamo perché esso si comporti così!
Perché allora non proviamo ad accettare che anche la materia, (quark, atomi, stelle) abbia una micro espansione ma senza aumentare la sua massa? Così come accettiamo l’idea che lo spazio si espande? 
La mia idea è che anche la materia si “gonfia” un pochino, ma solo 1/3 di quanto fa lo spazio, senza modificare le proprie caratteristiche di massa e la gravità, cosicché dopo che la massa cresce, questo aggiunge solo un effetto meccanico viscoso. Che effetto avrebbe sul moto di rotazione delle galassie?
Immaginiamo che un fluido viscoso sia versato sul centro di un disco in rotazione, esso si distribuirebbe sul disco prendendo la tipica forma dei bracci a spirale di un gorgo che avanzando verso la periferia rallenterebbero la propria velocità radiale.
Che cosa succederebbe se facciamo raffreddare velocemente il fluido durante questo processo? Succede che la velocità radiale tende a uniformarsi, diventando uguale dal centro al bordo e in fine, quando il fluido solidifica sul disco di supporto, la velocità radiale sarà uguale dal centro alla periferia. Questo è quanto avviene, circa, nelle galassie da un 1/3 del raggio in poi.  Ed anche i cluster di galassie sarebbero più vincolati di quanto lo sarebbero per la sola forza di gravità.


Dark matter was introduced to justify the observations of strange movement of galaxies that is different from what calculated for the gravity produced by visible matter, calculated by classical physic ; dark matter wasn’t found so this anomaly can be justified introducing TWO FACTORS:

The first is due to the birth of new particles, invisible until they aggregate in a form more massive, that are extracted by vacuum Energy for the perturbation introduced by gravitational and magnetic waves around every black hole. This fact would increase, in an invisible way, the gravity force that acts on the motion of the galaxy.  

The second factor, more exotic, is a little, imperceptible expansion of barionic particles that are the matter, later we will see how much s this expansion.

THE FIRST FACTOR: The presence of antimatter detected in the space gives amazing results. It was detected by the instrument AMS on the International Space Station (ISS) and it is formed by positrons. It is a continuous flow of particles much larger than imagined before! At first you thought that the positrons would be transported with a flow of particles transported by cosmic ray from the center of our galaxy, but the positrons seem to come from every direction, so I think that they are due to the spontaneous generation of matter and antimatter by vacuum Energy, induced by gravitational and magnetic waves, generated by the black holes situated in every point of galaxy; waves that are expected by Einstein, that we have recently detected.
---------------------------------------------------------------
La Materia Oscura è stata introdotta per giustificare le osservazioni dello strano moto delle galassie che si discosta da quello previsto per la sola gravità prodotta dalla materia visibile, calcolata dalla fisica classica; la materia oscura non è stata ancora trovata allora quest’anomalia si potrebbe giustificare introducendo due fattori:
Il primo è dovuto alla nascita di nuove particelle – invisibili fino a che non si aggreghino in forma più massiccia – queste sono estratte dall'energia del vuoto per la perturbazione introdotta dalle onde  gravitazionali e magnetiche intorno ad ogni Buco Nero: questo fatto incrementerebbe, in modo invisibile, la forza di gravità che agisce sul moto della galassia.


Il secondo fattore, ancora più esotico, è una piccolissima, impercepibile espansione delle particelle barioniche che costituiscono la materia,  poi vedremo quanto vale questa espansione.

IL PRIMO FATTORE: La presenza di antimateria rilevata nello spazio dà risultati sorprendenti. Essa è stata rilevata dallo strumento AMS sulla Stazione Spaziale Internazionale ISS, ed è formata essenzialmente da positroni. E’ un flusso continuo ed è molto maggiore di quanto immaginato prima! Inizialmente si pensava che i positroni fossero trasportati insieme al flusso di particelle trasportate dai raggi cosmici provenienti dalla nostra galassia, ma siccome i positroni sembrano provenire da ogni direzione, io penso che essi siano dovuti alla generazione spontanea di materia e antimateria da energia del vuoto, indotta dalle onde gravitazionali e magnetiche, generate dai Buchi Neri della galassia; onde che sono state previste da Einstein che siamo riusciti a rilevare da poco.

http://www.ams02.org/2015/04/ams-days-at-cern-and-latest-results-from-the-ams-experiment-on-the-international-space-station/

Antiproton to proton ratio measured by AMS. As seen, the measured ratio cannot be explained by existing models of secondary production.


An anglo-australian experiment expects the production of many hydrogen and antihydrogen to understand better the asymmetry of Big Bang; in my opinion, this will show that the extraction of matter and antimatter from vacuum Energy is in a continuous way, and that is divided in two opposite universes, segregated and inaccessible: the first is where we live and the other is in the quantum vacuum and recedes in a direction deeper in the vacuum, in an opposite anti universe and, for this reason, inaccessible for us.  

The next picture explains this idea: we are in our universe of baryonic matter on the right side of the white central area, the quantum vacuum is the interspace at the center of the image, a “land of anyone” full of virtual particles, and on the farther side, so over the wall it develops the other anti-universe! The Energy in the vacuum is a big vacuum Energy (about 10120). It’s an Energy that rejects two universes in opposite space + time direction... and this could be a key to understand the dark Energy that generates the expansion of two opposite spaces times.


http://m.phys.org/news/2015-05-physicists-ways-antihydrogen-production.html

Un  esperimento anglo australiano prevede la produzione di grandi quantità d’idrogeno e relativo antidrogeno con la finalità di capire meglio le asimmetrie del Big Bang; per me dimostrerà semplicemente che l’estrazione della materia e antimateria dall'energia del vuoto avviene anche oggi in modo continuo, e questa si suddivide in due universi opposti, segregati e inaccessibili: uno è quello in cui noi viviamo e l’altro è all’interno del vuoto quantistico e recede in direzione ancora più profonda nel vuoto, in un anti universo opposto e per questo a noi inaccessibile.
Il disegno rende bene l’idea di questo: noi siamo nel nostro universo di materia barionica sul lato destro dell’area bianca centrale, il vuoto quantistico è l’intercapedine al centro dell’immagine, una “terra di Nessuno” piena di particelle virtuali e sul lato più lontano, quindi di là del muro “ all’interno nel nulla “, si sviluppa, recedendo da noi, l’altro anti universo! L’energia contenuta nel vuoto è una grandissima quantità di energia del vuoto (si pensa che sia dell’ordine di grandezza di 10 elevato alla 120esima potenza) un’energia che respinge in direzione opposta i due universi e questo potrebbe essere la chiave di volta per capire l’Energia Oscura che dilata i due Spazi contrapposti.

Observing the figure I link that Black holes compresses the universal matter in a unknown physic state, maybe this could be a reverse transformation of matter that returns to the Energy state of vacuum respecting the formula between matter and Energy, which is Black holes would be open doors to the interspace of the two universes. For symmetry, there would be anti-Black holes in the other symmetrical universe. Atlas and CMS LHC’s detector announced the Higgs boson discovery on July 2012. The measures were based on two way of interaction in which the collisions proton- proton product Higgs boson that decay in two gamma ray or in two boson Z. But the boson can also decay in invisible particles that can be a part of a standard model (as neutrinos) or out of the standard model ( as dark matter) or the return to the quantum vacuum Energy (the interspace gap in the picture above).    

-------------------------------------------------------------------

Una cosa che mi viene in mente osservando la figura è che i Buchi Neri comprimono la materia dell’universo in uno stato fisico sconosciuto, forse potrebbe essere una trasformazione inversa della materia che ritorna allo stato di energia del vuoto rispettando la formula di equivalenza tra materia ed energia, cioè i Buchi Neri sarebbero delle porte aperte verso l’intercapedine che divide i due universi. Per simmetria dovrebbero essere anche degli anti Buchi Neri nell’altro universo simmetrico. I rivelatori ATLAS e CMS di LHC che annunciarono la scoperta del bosone di Higgs nel luglio 2012. Le misure si basavano principalmente su due percorsi d’interazione in cui le collisioni protone-protone producono bosoni di Higgs che decadono o in due raggi gamma o in due bosoni Z . Ma il bosone può anche decadere in particelle invisibili, che possono far parte del modello standard (come i neutrini) o di là del modello standard (come materia oscura) o il ritorno alla energia del vuoto quantistico ( l’intercapedine nel disegno sopra).

 At the CERN in Ginevra many experiments were made in LHC that “is turning” with a power bigger than 13 TeV, this power had never reached before: you’re trying to create a little black hole to understand how the matter behaves in this state; the experiments on progress at the CERN are in lateral list in black at the link:


http://home.cern/about/experiments/asacusa

Al CERN di Ginevra sono in corso molti esperimenti nell’LHC che “sta girando” a una potenza maggiore di 13 TeV, potenza mai raggiunta in precedenza: sperano di creare un piccolo buco nero per capire come si comporta la materia in questo stato esotico; i molti esperimenti in corso al CERN si trovano nella lista laterale in color nero del collegamento: 

Nell’esperimento “ASACUSA” si producono la materia e l’antimateria, nell’esperimento AMS (vedi lista), di cui ho parlato in precedenza, troverete altri approfondimenti.


The experiment more interesting is that of 2011 made in Chalmers University laboratory (Sweden). It’s an experiment published on “Nature” and it was predicted forty years ago. In the experiment “the born of light from nowhere” was made, that is the leak of photon and antiphoton couplet from vacuum Energy, making vibrate a “quantum mirror” called Squid, to the velocity of 100000 km/s in the vacuum, 1/3 of “c”!  None is the place ( the interspace of the figure) in which the quantum physic want that there are couples of virtual particles that appears for few time in a real physic form, uncoupling  themselves, but that disappear because they match.  In this experiment couples of virtual photons were divided in a definitive way, making appear the light from none! But the Energy in Chalmers experiment is limited so the elementary particles bigger than photon in the corpuscular state were not divided 
-------------------------------------------------------------------------------

L’esperimento più interessante è quello condotto nel 2011 nei laboratori dell’Università Chalmers in Svezia. È stato pubblicato su” Nature” ed è un esperimento di fisica quantistica predetto quarant’anni fa. Nell’esperimento hanno provocato la “nascita di luce dal nulla”, cioè la fuori uscita di coppie fotone e antifotone dall’energia del vuoto, facendo vibrare uno “specchietto quantistico” chiamato Squid, alla velocità di 100000 km/s nel vuoto, 1/3 di “c”! Il nulla, qui va inteso come un luogo (l’intercapedine del disegno?) in cui la fisica quantistica prevede che vi siano le coppie di particelle virtuali che appaiono brevemente in forma fisica reale, disaccoppiandosi, ma che subito scompaiono perché si riaccoppiano e annichiliscono. Ebbene in questo esperimento sono riusciti a dividere le coppie di fotoni virtuali in modo definitivo, facendo apparire la luce dal nulla! Siccome le energie disponibili nell’esperimento Chalmers sono limitate, non sono riusciti a dividere particelle elementari più pesanti del fotone nello stato corpuscolare; 


http://www.chalmers.se/en/news/pages/chalmers-scientists-create-light-from-vacuum.aspx


Imperial London College is preparing a similar experiment but with higher energies so that the matter could appear decoupling elementary particles like quarks and the electrons from their virtual state and the vacuum, creating the matter of our and the other universe: a progression read in “Genesis” (photo and link London College)  

L’Imperial London College sta preparando un esperimento simile ma con più alte energie affinché di possa far apparire la materia disaccoppiando le particelle elementari come i quark e gli elettroni dal loro stato virtuale nel vuoto, creando così la materia di cui è fatto il nostro e l’altro universo: una progressione già letta nella “Genesi” J



http://www3.imperial.ac.uk/newsandeventspggrp/imperialcollege/newssummary/news_16-5-2014-15-32-44

                               

The decay of the Higgs boson into “invisible particles” delivers no evidence of physics beyond the standard model
http://physics.aps.org/synopsis-for/10.1103/PhysRevLett.112.201802



Those experiments sign the start of a new way of thinking to the Universe with the born of the matter in quiet and continuous way and distributed all over, without the necessity of an initial event, without a big bang, that is unacceptable form cosmological principle that doesn’t provide lack of uniformity also in the time. The universe that I suppose is eternal in time and infinity in space.  


Sono esperimenti che segnano l’inizio di un nuovo modo di pensare di pensare all’Universo con la nascita di materia in modo tranquillo, continuo e finemente distribuito ovunque, senza la necessità di un evento iniziale, senza un grande scoppio,  che è inaccettabile dal principio cosmologico che non prevede disuniformità anche nel tempo, l’universo che ipotizzo è quindi eterno e infinito.

THE SECOND FACTOR, that could justify the strange motion in the galaxies, is a phenomenon that I call “femto intrinsic expansion” of the matter, see what it is;
It’s an imperceptible expansion of matter, a dynamic phenomenon, so without an increase of the mass, exactly like a classic balloon that swells without an increase of weight. It’s was already used in cosmology to explain the expansion of space and the transport of galaxies settled on it; the expansion of the space was not understood but is it accepted by cosmologists attributing it to a dark Energy? Is Big Bang a phenomenon incorporated by classical physics in a theory?
So why don’t we do it a similar logic passage between the expansion of the space to a similar - but minor - expansion of particles? Could this value be got making the ratio between the values measured of dark matter (~25% DM) and dark Energy (~ 70 % DE) of the universe?

Let’s calculate it:
25/70 = 2,8 is the growing constant of matter “S” (from Swell) that we have to multiply for the expansion of space.
The measure of expansion of space happens every 1 Mega Parsec, that is after the light travels for almost 32000 billion km, so the space grew every second to Mega Parsec of 68 km, so it stretches at 32000000000068 km, it is a “local femto expansion” that is not considered in the local universe because the gravity overhangs it so the expansion doesn’t act and it’s considered only for big cosmological distances

Hubble’s constant is 67,8 but divided for 2,8 is 24,2 km/s but it’s a femto growth at local atomic level, that is a little value of 24 femto meters, in the next link on talk about uncertainty of Proton dimension:





Il SECONDO FATTORE, che potrebbe giustificare lo strano moto nelle galassie, è un fenomeno che io chiamo “femto-espansione intrinseca” della materia, vediamo cosa è;
Essa è cioè una piccolissima impercettibile espansione della materia, un fenomeno puramente dinamico, quindi senza aumento di massa, esattamente  come il classico palloncino, che si gonfia senza aumento di peso, che è già stato utilizzato in cosmologia per spiegare l’espansione dello spazio e il trasporto delle galassie posate su di esso; l’espansione dello spazio non si è ancora capito  cosa sia, ma viene accettato dai cosmologi attribuendolo a una misteriosa Energia Oscura? Addirittura la “prodigiosa quanto artificiosa Inflazione iniziale del Big Bang“ è un fenomeno incorporato dai fisici classici in una Teoria?
Allora perché non fare un passaggio logico di similitudine tra l’espansione dello spazio a una simile ma minore espansione delle particelle? Questo valore potrebbe essere ricavato facendo il rapporto tra i valori misurati di quantità di Materia Oscura(~25% DM) ed Energia Oscura, (~ 70 % DE) presenti nell'universo?
Facciamo due calcoli:
25/70 = 2,8 è la costante di crescita della materia “S” (da Swell) da moltiplicare all'espansione dello spazio.
La misura di espansione dello spazio avviene in coda a ogni Mega Parsec, cioè dopo che la luce percorre circa 32 mila miliardi di chilometri, quindi lo spazio cresce ogni secondo laggiù in fondo al Mega Parsec di soli 68 chilometri circa, cioè si allunga a 32000000000068 km, una misura enorme ma se riportata al metro terrestre locale, o meglio agli atomi è una micro espansione, anzi una” femto espansione” che non viene neanche considerata  nell’universo locale perché la gravità la sovrasta quindi l’espansione non agisce e si considera solo su grandi distanze cosmologiche.
Torniamo alla presunta espansione della materia, la costante di Hubble vale 67,8 che divisa per 2,8 fa 24,2 km/s in fondo al Mega Parsec, ma è una femto crescita a livello atomico locale, cioè sarebbe un valore di 24 femto metri, un valore paragonabile ala dimensione degli atomi.  
nel link sotto  si evidenzia l'incertezza delle dimensioni del protone

http://m.livescience.com/28707-shrinking-proton-puzzle-new-experiments.html#st_refDomain=m.facebook.com&st_refQuery=/

Uncertainty of “G” value:

An article was published on “Nature” and it reveals that we don’t have a true value of gravitational constant “G” that we use in Newton and Einstein formula! In this article on invite all the laboratories of the world to unify the forces to find a solution. John Gillaspy, who directs the experimental program of Atomic, Molecular and Optic Physic at the National Science Foundation (NSF), says that new ideas are necessary. In 2016 NFS will finance a session of brainstorming where researchers will spend a week trying to find a strategy to solve the uncertainty of “G” value. See the last article on link below:  

Su “Nature” è stato pubblicato un articolo che rileva che non abbiamo un valore certo della costante gravitazionale “G” che utilizziamo nelle formule  di Newton e Einstein! In quest’articolo s’invitano  i laboratori di tutto il mondo ad unire le forze per trovare una soluzione. Sono necessarie nuove idee, dice John Gillaspy, che dirige il Programma Sperimentale di Fisica Atomica, Molecolare e Ottica presso la National Science Foundation (NSF). La NSF sponsorizzerà una sessione di brainstorming nel prossimo anno 2016 in cui ricercatori di diverse branche della fisica trascorreranno una settimana cercando di trovare una strategia per risolvere l’incertezza del valore di “G”

L'articolo è l'ultimo su  link sotto:
   




Returning to examine the micro expansion. It will create an inner pressure. This will make increase the specific density between the atoms because when they grow, they walk up and they influence the gravity force. How would the diffusion of atoms modify in an empty box with the addition of this expansive phenomenon?   This would have an imperceptible behavior different from what we expect in the classical laws of diffusion and of thermodynamic equilibrium of Boyle-Mariotte, and you will reach the equilibrium point sooner and the pressure of the gas will be higher.  This micro phenomenon is perceptible only for a large scale for two reasons. The first is because they create a perturbation only for big distances like the rotation of a galaxy. The second is because this phenomenon is not perceptible with local experimental observations. The observer and his instruments lose out the same expansive phenomenon of the matter because everything is in the same inertial system so you can’t take over the reciprocal motion of the expansion.   The position of the probes on big distance has an error of position; in fact they are closer to the Earth more than it was calculated and this call “error Pioneer”.
You tried the error “Pioneer” with the radioactive pressure made by the nuclear generator behind the parabola of transmission of the probe, but this is only an element, the other factor that nears the probes to Earth is the growth of the matter of the solar system and this produce a nearing of Earth to the probe. It’s a first measurable value of Doppler Effect, a “blue shift”.   

If it was all right you would have to calculate the Absolut value of expansion of the universe with a new constant that considers the expansion of the space, Hubble’s constant “H°”, and of the matter, the constant “S°”. 

Tornando a esaminare questa micro espansione: essa creerebbe solo un gradiente di pressione interno, intrinseco nella materia. Questo farebbe aumentare la densità specifica tra gli atomi perché essi crescendo, si avvicinano tra loro influenzando anche in minima parte la forza  di gravità intrinseca. Come si modificherebbe la diffusione degli atomi in una scatola vuota con l’aggiunta di questo fenomeno espansivo? Avrebbero un comportamento impercettibilmente diverso da quello che ci aspettiamo nelle classiche leggi della diffusione di Fick e di equilibrio termodinamico di Boyle-Mariotte, ma si raggiungerebbe prima il punto di equilibrio e la pressione del gas sulle pareti sarebbe un pochino maggiore. Questo micro fenomeno è percepibile solamente su grande scala per due motivi. Il primo motivo è perché esse creano una perturbazione solo su grandi distanze come la rotazione della galassia e secondo, perché questo fenomeno espansivo non è percepibile da osservazioni sperimentali locali. Poiché l’osservatore e i suoi strumenti, subiscono lo stesso fenomeno espansivo della materia in indagine, perché tutto è nello stesso sistema inerziale comovente, per cui non si possono rilevare i reciproci moti di espansione relativa; Solo osservando le sonde su grande distanza almeno dalla periferia del sistema solare fino alle galassie; Infatti la posizione delle sonde lontane presenta un errore di posizione, sono tutte più vicine alla terra di quanto calcolato e questo è chiamato “errore Pioneer”.  Hanno provato a giustificare l’errore “Pioneer” con la pressione radiativa esercitata dal generatore nucleare posto dietro la parabola di trasmissione della sonda, ma questa è solo un elemento, l’altro fattore che avvicina le sonde alla Terra è la crescita della materia del sistema solare che come risultato produce un avvicinamento della Terra alla sonda, è un primo dato misurabile dell’effetto doppler remoto, un “blue shift”.
Se tutto questo è giusto, allora bisognerebbe calcolare il valore assoluto di espansione dell’universo con una nuova costante che tiene conto sia dell’espansione dello spazio, cioè della costante di Hubble “ H°” che dell’espansione minore della materia, cioè della costante “S°”.




Now let me make a philosophical reflection on the SQUSA rEady Universe. In this model we saw a limited universe by an horizon that extends around us for 14 billion km (46 with expansive motion) ; but this horizon is only virtual and it is due to the impossibility that the light of the external galaxies  reach us only with the form of a thermalized radiation that re- enters from the border and that we call CMB, but we doesn’t need a super inflation that conforms it.
The universe doesn’t finish on the border, it is infinity and eternal. This a difficult concept a it leaves us without certainty that gives us a universe finished at 13,8 billion light years or 46, if we consider the recession created by a supernatural Energy that is compatible with our thought, religious or not.
But what is the purpose of our research? Maybe is it because we have a consciousness that induce our self to appreciate the joy of our life? Even animals and ET make this but with a level of consciousness that is proportional to their evolution.
We’re on this earth, born only 5 billion years ago rotating around the sun; the solar system formed from elementary cosmic dust and the complexities of the physical and chemical reactions originated an evolution of the matter that brought to the formation of life;  you seem that the constants of physical laws bring to the complexities of life that born around every star that has a planet at the right distance, “the belt of habitability” where the water is at the liquid state: Kepler probe found almost thirty planets in few years of observation and spectroscopically measures of Orion’s nebula take over the spectrum of organic molecule and of chlorophyll so there might be forests and life!
So: are the physical/chemical laws of the universe calibrated so that life and consciousness are all over? Consciousness make us appreciate the beauty of a sunshine, the wonder of a starry night, the joy of the music, of the art in all his form, the ecstasy that love makes, that make us happy to meet the soul mate. Will all of this product an evolution of life to forms of consciousness more elevated?
So it is possible that the laws that guide the stars and the complexity of life, that is the laws of Universe, are calibrated so that we can contemplate the universe that creates … us?
A kind of return between the consciousness of his creatures towards the Universe creator? As if the universe was brought to delight of his creation and the creatures were brought to delight of the Universe?  If it’s like this so we have to follow the boost that bring us to observe, to know and to understand all that is around us, from the smallest things of life to the magnificence and the beauty of all the things of the Universe; that drives us to act for the good of life, to everything that can enjoy us  life in the respect of nature, to be thirsty to understand without being attempted by greed to possess too many material wealthy and to be happy to be here beside our love and the desire to increase the consciousness that brings us nearer to understand all of this :     

Love for Creation and his entire creatures.  


Concedetemi ora una riflessione filosofica sull’Universo SQUSA rEady; Abbiamo visto che in questo modello l’universo che noi osserviamo è limitato da un orizzonte che si estende intorno a noi per circa 14 miliardi di chilometri; ma questo orizzonte è solo virtuale ed è dovuto alla impossibilità che la luce delle galassie esterne ci raggiunga se non in forma di radiazione termalizzata uniformemente distribuita che rientra dal confine che noi chiamiamo CMB, ma non abbiamo bisogno di una super inflazione che la uniformi.
L’universo però non finisce su quel confine, esso è infinito ed eterno, questo è un concetto difficile da contenere nella nostra piccola mente e ci lascia attoniti e senza certezze che invece ci dava un universo finito a solo 13,8 miliardi di anni luce o 46, tenendo conto della recessione, apparso all’improvviso, come creato da una energia sovrannaturale che è compatibile dal nostro pensiero, religioso o ateo che sia.
Ma la finalità di tutto questo nostro cercare, di quest’affanno per capire perché siamo qui a cosa è dovuto? Forse perché siamo esseri dotati di una coscienza che ci spinge a conoscere sempre di più per apprezzare le gioie che ci dona la nostra vita quotidiana? Anche gli animali e probabilmente gli ET fanno questo ma ad un livello di coscienza che è proporzionale alla loro evoluzione.
Noi siamo qui su questa terra che è nata solo cinque alcuni miliardi di anni fa ruotando intorno al sole; il sistema solare si era formato dalla polvere  cosmica elementare, e la complessità delle reazioni fisiche e chimiche ha dato origine a un’evoluzione della materia che ha portato alla formazione della vita; anzi sembra che i parametri e le costanti delle leggi fisiche, portino spontaneamente alla complessità della vita che nasce sempre intorno ad ogni stella che ha un pianeta alla giusta distanza, la così detta fascia di abitabilità, in cui l’acqua è allo stato liquido: la sonda Kepler ha già trovati una trentina di questi pianeti in pochi anni di osservazione, e misure spettroscopiche della nebulosa di Orione hanno rilevato lo spettro delle molecole organiche e della clorofilla, ci devono essere foreste e vita lassù!
Allora mi chiedo: le leggi fisico-chimiche dell’universo sono calibrate affinché la vita e la coscienza si manifestino ovunque? La coscienza ci porta ad apprezzare la bellezza di un tramonto, la meraviglia di una notte stellata, la gioia della musica, dell’arte in tutte le sue forme, l’estasi che procura l’amore, che rendendoci felici per aver incontrato l’anima gemella produrrà una evoluzione della vita verso forme sempre più elevate di coscienza del tutto?


Allora è possibile che le leggi che guidano le stelle e la complessità vita, insomma le leggi dell’Universo siano calibrate affinché noi possiamo contemplare l’universo stesso che ci ha creato? Una specie di ritorno tra la coscienza delle sue creature verso l’Universo creatore? Come se l’universo sia portato a compiacersi del suo creato e le creature siano portate a compiacersi dell’Universo? Se è così allora bisogna seguire la spinta interiore che ci porta a osservare, conoscere e capire tutto ciò che ci circonda, dalla più piccole cose della vita alla grandiosità e bellezza di tutte le cose dell’Universo; che ci spinge ad agire per il bene della vita, a tutto quanto ci faccia godere la vita nel rispetto della natura che ci circonda, ad avere sete di capire senza lasciarci tentare dall’avidità di possedere troppe ricchezze materiali e di essere felici per essere qui a fianco del nostro amore e al desiderio di aumentare la Coscienza che ci porta un po’ più vicini a capire il tutto questo: 
l'amore  per  la Creazione   tutte le sue creature

 my faith : Universal Pan Theism


.







Damiano Schiavo Sabino
Ea researcher